Cerca

Rapporto annuale 2017

Cerca

Un anno ad attività normale

Uno dei più importanti programmi della Fondazione: il programma Biocarburanti

Uno dei più importanti programmi della Fondazione: il programma Biocarburanti
Qui scoprirete come il biocarburante giunge alla stazione di servizio.

Raggruppamento di compensazione

I vantaggi di una partecipazione

Jürg Hornisberger - Supply & Marketing Manager, Tamoil SA

Piattaforma Edifici

Teleriscaldamento
Factsheet
Cerca

Nota introduttiva Nota introduttiva

Vorwort it
Daniel Hofer,
Presidente della Fondazione

Poco considerata dal grande pubblico, la Fondazione KliK fa un ottimo lavoro al servizio degli obiettivi svizzeri di protezione del clima. Ciò che all’inizio dell’attuale periodo della legislazione sul CO₂ (2013–2020) era visto praticamente come concetto utopistico, ora si trasforma lentamente in solida certezza: se le con­dizioni rimangono invariate, i responsabili dell’immissione in consumo di carburanti fossili saranno in grado, grazie agli sforzi della Fondazione KliK, di adempiere all’obbligo di compensazione nell’anno decisivo 2020 senza incorrere in sanzioni. Una di queste condizioni è che il legislatore non metta in difficoltà la Fondazione KliK e gli importatori poco prima del traguardo, ossia cancellando a metà 2020 la possibilità di esonerare i biocarburanti dall’imposta sugli oli minerali.


È un esempio convincente di come in ambito legislativo spesso una mano non sappia quello che faccia l’altra. Gli interventi statali imposti per legge sulla libertà economica, anche se sono solo finalizzati ad indirizzare l’economia e non rappresentano alcun ordine o divieto, di rado sono così perfetti da non dover essere soggetti prima o poi a modifica. Per gli operatori economici significa vivere un’incertezza permanente riguardo al valore dei loro investimenti effettuati in base alla legislazione.


La Fondazione KliK è un buon esempio che prova come un obiettivo statale – in questo caso la riduzione e la compensazione di emissioni di CO₂ generate dal consumo di carburanti fossili – possa essere perseguito e soddisfatto dal lavoro efficiente di un’organizzazione privata. Proprio un piccolo Paese come la Svizzera, che non può permettersi un grosso apparato ammi­nistrativo, dipende da modelli del genere di mandato statale. In tal senso il legislatore e le autorità incaricati di proporre e formulare le leggi non dovrebbero compromettere la buona volontà degli operatori privati (che, ricordiamo, si assumono anche dei rischi finanziari) con obiettivi irrealistici e supplementi di prezzo nell’ambito della compensazione di CO₂. Nella ristrutturazione del sistema energetico un eccessivo attivismo statale è fuori luogo.


Daniel Hofer 

Presidente della Fondazione per la protezione del clima e la compensazione di CO₂ KliK

Cerca

Portafoglio di attività di compensazione Portafoglio di attività di compensazione

Effetto per contratto
(in mio. di t)
Text it 1

La Legge sul CO₂ obbliga le società petrolifere responsabili dell’immissione in consumo di carburanti fossili di compensare nel periodo 2013 –2020 in media circa il 5% delle emissioni di CO₂ risultanti dall’uso energetico di carburanti. In base al totale stimato di carburante immesso in consumo in tale periodo, la quantità di compensazione ammonterà a circa 6,5 mio. di tonnellate di CO₂.


Costituita dall’Unione petrolifera nel 2012 come raggruppamento di compensazione, la Fondazione per la protezione del clima e la compensazione di CO₂ KliK si assume il compito di adempiere all’obbligo di compensazione delle società ad essa affiliate. I partecipanti versano alla Fondazione KliK, sottoforma di acconti mensili, una rimunerazione a copertura di tutti i costi sostenuti dall’organizzazione in relazione all’adempimento dell’obbligo di compensazione. I costi per la compensazione delle 6,5 mio. di tonnellate di CO₂ si stima ammonteranno a 1,5 centesimi per litro di carburante venduto nel periodo 2013–2020.


Per poter adempiere all’obbligo di compensazione, occorre comprovare una determinata quantità di riduzioni di gas serra risultanti da attività di compensazione in Svizzera conformi alle disposizioni della Legge sul CO₂ o dell’Ordinanza sul CO₂. Le competenti autorità federali provvedono alla registrazione dei progetti o programmi di compensazione considerati idonei e rilasciano cosiddetti attestati per le riduzioni verificate di emissioni. Agli attestati viene attribuito un determinato valore allo scopo di essere utilizzati per adempiere all’obbligo di compensazione. Il ricavato della vendita di attestati alle società aventi l’obbligo di compensazione genera un contributo finanziario a sostegno della realizzazione dell’attività di compensazione in questione.


La Fondazione KliK fa capo alle seguenti cinque categorie che generano riduzioni computabili di emissioni:


Attestati per riduzioni di emissioni dal 2008 al 2012: Le imprese esonerate nel periodo 2008–2012 dalla tassa sul CO₂ sui combustibili hanno ricevuto soprattutto dalla Confederazione diritti d’emissione nella quantità del loro percorso di riduzione di emissioni. Molte imprese hanno superato il loro obiettivo di riduzione e dunque usato meno diritti d’emissione di quelli loro concessi. Queste imprese possono convertire i diritti d’emissione rimanenti in attestati, che la Fondazione KliK acquista poi al prezzo unitario di 50 franchi. I partecipanti al sistema di scambio di emissioni svizzero potevano vendere le proprie eccedenze alla Fondazione KliK solo fino a metà 2014.


Prestazioni suppletive da convenzioni sugli obiettivi: Le imprese esonerate dalla tassa sul CO₂ mediante obiettivo di emissioni, su domanda possono convertire in attestati le quote eccedenti il loro obiettivo di oltre il 5%. La Fondazione KliK acquista tali attestati al prezzo unitario di 100 franchi fino al 2020.


Progetti condotti autonomamente: L’effetto continuo di riduzione dei progetti sostenuti in precedenza dalla Fondazione Centesimo per il Clima può essere utilizzato per adempiere all’obbligo di compensazione. Ai sensi dell’Ordinanza sul CO₂ si tratta di «progetti condotti autonomamente» per i quali non vengono rilasciati attestati. La Fondazione KliK acquista le riduzioni di emissioni alle medesime condizioni offerte dalla Fondazione Centesimo per il Clima (prezzi fra 60 e 135 franchi per tonnellata di CO₂).


Nuovi progetti: I nuovi progetti sono acquisiti dalla Fondazione KliK oppure tramite i sei intermediari che lavorano per suo conto contro una commissione di successo. La Fondazione KliK di regola acquista tutti gli attestati generati fino al 2020 ad un prezzo accordato individualmente. Per i progetti di teleriscaldamento si applica un forfait di 100 franchi per attestato.


Programmi: I programmi offrono la possibilità di raggruppare e trattare in modo metodico ed efficiente piani più piccoli affini fra loro senza dover richiedere l’autorizzazione della Confederazione per ognuno singolarmente. Ne deriva la possibilità di scalamento. Nel corso del 2017 sono stati registrati 5 programmi, ora in diversi stadi di realizzazione; altri 3 programmi sono in fase di preparazione e la loro registrazione è prevista nel corso del 2018. Ogni programma ha una propria struttura specifica, motivo per cui le condizioni contrattuali sono ritagliate su misura.


Il 2017 è stato un anno ad attività normale. Per facilitare la visione d’insieme delle sue attività, la Fondazione KliK le struttura in seno alle piattaforme Trasporti, Imprese, Edifici e Agricoltura. Alla pagina seguente sono presentate le diverse attività raggruppate per piattaforma.

Cerca

Piattaforme Panoramica

Cerca

Piattaforme Panoramica

Per facilitare la visione d'insieme delle sue attività, la Fondazione KliK le struttura in seno alle piattaforme Trasporti, Imprese, Edifici e Agricoltura. Qui di seguito sono presentate le diverse attività raggruppate per piattaforma.


Stato attuale dei programmi:


Cerca

Piattaforme Piattaforma Trasporti

Video Umlagerung Strasse auf Bahn

Passaggio del trasporto merci su rotaia

A fine 2017 il programma contava già 16 piani, che insieme hanno permesso di evitare 35’500 tonnellate di CO₂.


Vi spieghiamo il funzionamento del programma prendendo come esempio la ditta Schilliger Holz AG.


Maggiori informazioni: www.enaw.ch 

Vai agli altri programmi/progetti
Programmi
Cerca

Piattaforme Piattaforma Trasporti

Programmi
Grazie alla Fondazione KliK è diventato più facile risparmiare carburante con l’automobile e, nel settore dei trasporti pubblici, passare ai bus ibridi.
Dr. Marco Berg, Direttore

Programmi

Segue in breve lo stato dei programmi trattati dalla Fondazione KliK nell'esercizio in esame in seno alla piattaforma Trasporti:


Biocarburanti

Questo programma comprende l’importazione e la produzione nazionale di biodiesel, oli vegetali idrotrattati (HVO) e bioetanolo. I prodotti devono soddisfare i criteri di esenzione dall’imposta sugli oli minerali e possono essere distribuiti puri o miscelati ad un carburante fossile.


Il programma, concepito in collaborazione con la Fondazione KliK, è gestito da Biofuel Schweiz e in corso dal 1° gennaio 2014. A fine 2017 contava 18 piani. Nel 2017 sono stati rilasciati 228’685 attestati per l’anno 2016, di nuovo nettamente più di quanto prospettato. La quota di biocarburanti sulle vendite di benzina è stata di quasi il 2%, sulle vendite di diesel del 3,5% circa. Fino al 2020 sono attesi 2’650’000 attestati.


Bus elettrici e ibridi

IIl programma prevede la sostituzione di bus alimentati a fonte fossile con bus elettrici senza filo aereo, bus ibridi, bus ibridi plug-in e veicoli elettrici con Range Extender. Sono presi in considerazione solo i veicoli nuovi.

Il programma sviluppato dalla fondazione myclimate è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel maggio 2014. A fine 2017 contava 10 piani. Per il 2016 sono stati rilasciati 204 attestati. Fino al 2020 sono attesi 5’500 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione su www.myclimate.org/busprogramm.



Trasferimento dalla strada alla rotaia

Il programma, sviluppato in collaborazione con la Fondazione KliK, è gestito dall’Agenzia dell’energia dell’economia (AEnEC) e consiste nel trasferimento del trasporto merci dalla strada alla rotaia.


Il programma è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel febbraio 2014. A fine 2017 contava 16 piani. Per l’anno 2016 sono stati rilasciati 9’468 attestati, una cifra superiore alle aspettative. Fino al 2020 sono attesi 81’500 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.enaw.ch


Veicoli commerciali pesanti elettrici

Il programma, sviluppato in collaborazione con la Fondazione KliK, è gestito dall’Agenzia dell’energia dell’economia (AEnEC) e consiste nella sostituzione di veicoli commerciali pesanti alimentati a energia fossile con modelli al 100% elettrici.


Il programma è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel febbraio 2014. A fine 2017 contava 3 piani. Per il 2016 sono stati rilasciati 151 attestati. Fino al 2020 sono attesi 1’650 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.enaw.ch


Ottimizzazione della pressione degli pneumatici

Il programma promuove la regolazione della pressione degli pneumatici, durante il servizio e/o il cambio gomme presso il garagista, di 0,3 bar sopra il valore comfort raccomandato. La minore resistenza al rotolamento porta ad una riduzione del consumo di carburante.


Il programma, concepito in collaborazione con la Fondazione KliK, è gestito dall’Unione professionale svizzera dell’automobile (UPSA) ed è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel gennaio 2016. A fine 2017 si registravano circa 170’000 operazioni di aumento della pressione degli pneumatici. Fino al 2020 sono attesi 10’000 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.agvs-upsa.ch/it/pop.


Progetti

La piattaforma Trasporti conta solo un progetto sotto contratto. Il previsto impianto a Bad Zurzach di produzione di biodiesel da olio commestibile usato non verrà realizzato. Per il biodiesel importato negli anni 2014 e 2015 il titolare di progetto ha ricevuto 4’863 attestati rilasciati dall’Ufficio federale dell’ambiente. Fino al 2020 sono attesi 336’000 attestati.


Progetti condotti autonomamente

Fra i vecchi progetti della Fondazione Centesimo per il Clima che beneficiano del sostegno della Fondazione KliK come progetti condotti autonomamente, uno rientra nella piattaforma Trasporti. Questo progetto si prefigge di migliorare l’aerodinamica dei veicoli commerciali. Per l’anno 2016 l’Ufficio federale dell’ambiente ha computato 357 tonnellate di riduzioni di emissioni di CO₂.

Cerca

Piattaforme Piattaforma Imprese

Neues Video Plaun Grond IT

Programma Gas di discarica

La tecnologia innovativa incentivata dalla Fondazione KliK consente di eliminare le emissioni di metano oltre il minimo prescritto per legge.


Dalla verifica fino al rilascio di attestati: guardate il nostro reportage video sulla discarica di Plaun Grond ad Ilanz.


Maggiori informazioni: www.deponiegas.klik.ch (in tedesco)


Vai agli altri programmi/progetti
Programmi
Cerca

Piattaforme Piattaforma Imprese

Programmi
Già numerose misure di protezione del clima sono state realizzate sia in grandi imprese che in PMI grazie agli incentivi finanziari della Fondazione KliK.
Darja Tinibaev, Responsabile Svizzera tedesca

Programmi

Segue in breve lo stato dei programmi trattati dalla Fondazione KliK nell'esercizio in esame in seno alla piattaforma Imprese:


Prestazione del legno svizzero quale pozzo di carbonio

Secondo l’allegato 3 dell’Ordinanza sul CO₂ il legno utilizzato come materiale edile è l’unico accumulatore di CO₂ in grado di generare attestati. La prestazione dei pozzi di carbonio che dà diritto ad attestati corrisponde al surplus di prodotti in legno svizzeri paragonato all’atteso sviluppo di riferimento della produzione dell’intero settore. Si distingue fra tre gruppi di prodotti: legname segato delle segherie, pannelli di fibra a media densità (MDF) e pannelli di truciolato dell’azienda Kronospan, e pannelli in fibra dell’azienda Pavatex. Ai fini di gestione di questo progetto settoriale è stata fondata l’associazione «Senke Schweizer Holz» (pozzi di carbonio legno svizzero).


Il programma è attivo dal 1° gennaio 2014. Il numero di attestati rilasciati per il 2016 (270’593) è stato ancora una volta nettamente superiore alle aspettative. Sebbene la quantità fissata contrattualmente per il periodo fino al 2019 pari a 640’000 attestati sia stata superata (+111’776), la Fondazione KliK ha acquistato il surplus. Fino al 2020 sono attesi 270’000 attestati.


Freddo climacompatibile

In Svizzera sono numerosi gli impianti del freddo fissi usati nell’industria e nel commercio, p. es. per le catene del freddo delle aziende del commercio al dettaglio. Nell’arco della loro durata di esercizio, questi impianti producono considerevoli emissioni di fluido refrigerante, contribuendo enormemente all’effetto serra. Nonostante la normativa disciplinata dall’Ordinanza sulla riduzione dei rischi inerenti ai prodotti chimici, è possibile evitare considerevoli quantità di emissioni incentivando i responsabili a convertire gli impianti all’uso di refrigeranti rispettosi del clima, come il CO₂ o l’ammoniaca.


Un primo modulo dei programmi sviluppati dalla Fondazione KliK concernente la sostituzione anticipata di impianti fissi del freddo a HFC è stato registrato nel febbraio 2015 dall’UFAM. Altri due moduli sono stati registrati nel luglio 2016 concernenti (i) la sostituzione di impianti HCFC anziché la conversione a refrigeranti HFC, e (ii) la nuova costruzione di impianti rispettosi del clima in piccole unità di vendita (p. es. stazioni di servizio). A fine 2017 il programma contava 30 piani. Fino al 2020 sono attesi 50’000 attestati. 


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione sul sito Internet www.freddo.klik.ch.


Riduzione di metano negli impianti di depurazione delle acque

Gli impianti di depurazione delle acque emettono ingenti quantità di metano. Come principali fonti si segnalano la perdita di metano nella produzione di biogas e le emissioni durante la disidratazione e l’impilatura di fanghi di depurazione. Le concentrazioni di metano di queste degassificazioni sono solitamente troppo esigue per giustificare il loro sfruttamento energetico. Il ricavato dalla vendita di attestati crea un incentivo a raccogliere e poi eliminare i flussi di metano negli esistenti impianti di incenerimento dei fanghi o centrali termoelettriche a blocco.


Il programma sviluppato da South Pole è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel settembre 2014. A fine 2017 contava 11 piani. Per il 2016 sono stati rilasciati 4’648 attestati. Fino al 2020 sono attesi 34’000 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione sul sito Internet www.thesouthpolegroup.com/ara.


Gas di discarica

In Svizzera esistono numerose discariche che emettono nell’atmosfera gas di discarica la cui concentrazione di metano è talmente bassa che non è più possibile bruciare le esalazioni di gas in torce convenzionali. Di norma non vi è più alcun obbligo di bruciare le quantità residue di metano; le emissioni tuttavia possono essere eliminate installando speciali torce usate per bruciare gas povero. Abbinando queste torce ad un sistema di aerobizzazione di profondità e quindi di iniezione di ossigeno, si può allo stesso tempo evitare addirittura la formazione di metano nella discarica stessa.


Il programma sviluppato dalla Fondazione KliK è stato registrato presso l’UFAM nel giugno 2015. A fine 2017 contava 9 piani. Per il 2015 erano stati rilasciati 2’156 attestati. Fino al 2020 sono attesi 45’000 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione sul sito Internet www.deponiegas.klik.ch (in tedesco).


Riciclaggio delle materie plastiche

Il programma permette di impostare una catena logistica per la raccolta separata di frazioni di materie plastiche nei rifiuti domestici oggi smaltiti negli IIRU, per il loro trattamento in un centro di smistamento e infine per la loro riutilizzazione in prodotti nuovi. Le frazioni miste sono utilizzate come combustibile di sostituzione nell’industria del cemento al posto dei convenzionali combustibili fossili.


Alla fine dell’esercizio in questione, il programma, sviluppato da South Pole, era ancora in fase di esame presso l’Ufficio federale dell’ambiente. Per l’anno civile 2020 sono attesi 100’000 attestati.


Riduzione di gas esilarante negli impianti di depurazione delle acque

Gli impianti di depurazione delle acque possono generare emissioni considerevoli di gas esilarante (N₂O). Riducendo in modo finalizzato il carico di azoto nelle acque di scarico è possibile ridurre tali emissioni.


Il programma, sviluppato da INFRAconcept, era in fase di convalida alla fine dell’esercizio in esame. Fino al 2020 sono attesi 7’500 attestati.



Progetti

Nell'esercizio preso in esame la Fondazione KliK ha acquisito o esaminato più da vicino i seguenti progetti rientranti nella piattaforma Imprese:


Eliminazione di gas di discarica

Un solo progetto di questa categoria è sotto contratto (discarica di Pizzante). Per il 2016 non sono stati rilasciati attestati. Precedentemente erano stati rilasciati 9’116 attestati per questo progetto e per il progetto Sass Grand, che nel frattempo è stato sospeso.


Riduzione di gas esilarante dall’incenerimento dei fanghi di depurazione

L’incenerimento dei fanghi di depurazione genera considerevoli quantità di gas esilarante, che possono essere decomposte in un processo termico separato. Progetti di questo tipo sono stati registrati presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel maggio 2015 (impianto ARA Emmen) e nel maggio 2016 (impianto ARA Rhein). Fino al 2020 sono attesi in tutto 71’500 attestati. 


Riduzione di SF₆

Un progetto di sostituzione di SF₆ con SO₂ nella produzione di componenti in magnesio è stato registrato nell’aprile 2015 presso l’Ufficio federale dell’ambiente e realizzato nel corso dell’anno. Per le riduzioni di emissioni generate fino a fine 2016 sono attesi 10’500 attestati. Dopo di allora è subentrata una regolamentazione delle emissioni di SF₆.


Combustione a torcia del metano durante lavori di manutenzione

La ditta Transitgas SA gestisce la tratta in Svizzera della condotta di gas naturale ad alta pressione che collega i campi di gas del Nord Europa con l’Italia. In questo progetto, il metano contenuto nella tratta Ruswil–Mauensee, che andrebbe a finire nell’atmosfera durante i lavori di manutenzione, da un lato verrà convogliato nella condotta parallela mediante pompaggio, dall’altro verrà distrutto in modo ecologico con una torcia mobile da 100 MW. A fine 2017 il progetto era ancora in fase di elaborazione. Per l’anno 2020 sono attesi 28’500 attestati.


Prestazioni suppletive da convenzioni sugli obiettivi

Le imprese esonerate dalla tassa sul CO₂ sui combustibili prima del 2013 o che hanno ottenuto l’esonero dal 2013 hanno ricevuto un’offerta limitata nel tempo per l’acquisto delle prestazioni suppletive. A fine 2017, 353 imprese avevano approfittato dell’offerta. 


Nel corso dell’esercizio preso in esame sono stati consegnati, al prezzo unitario di 100 franchi, 156’002 attestati per prestazioni suppletive ottenute nel periodo 2013–2016 (anno precedente: 173’653 attestati). Entro il 2020 sono attesi complessivamente ca. 1,6 milioni di attestati. 



Attestati per riduzioni di emissioni dal 2008 al 2012

Nel corso dell’esercizio in esame sono stati consegnati 16’654 attestati al prezzo unitario di 50 franchi.


Cerca

Piattaforme Piattaforma Edifici

Immagine: Limeco

Programma Teleriscaldamento

Il processo relativo alla domanda di partecipazione al programma è stato semplificato di molto, diventando interessante quindi anche per i teleriscaldamenti più piccoli. A fine 2017 si contavano 12 piani nei diversi moduli.


Maggiori informazioni: 

www.teleriscaldamento.klik.ch

Vai agli altri programmi/progetti
Programmi
Cerca

Piattaforme Piattaforma Edifici

Programmi
Grazie all’incentivazione della Fondazione KliK dei generatori di calore mobili a pellet, è stato possibile migliorare considerevolmente il bilancio CO₂ negli edifici già durante la loro costruzione.
Gaëlle Fumeaux, Responsabile Svizzera romanda e Ticino

Programmi

Segue in breve lo stato dei programmi trattati dalla Fondazione KliK nell'esercizio in esame in seno alla piattaforma Edifici:


Automazione edifici

I sistemi di automazione riducono il consumo energetico dell’edificio del 20–30 percento e contribuiscono ad aumentare significativamente il comfort generale. Il programma promuove la conversione degli edifici con riscaldamento a combustibile fossile della classe di efficienza immotica C (standard odierno per gli edifici di nuova costruzione) o D della norma SIA 386.110 alle classi A o B, mediante versamento di contributi definiti per m² di superficie di riferimento energetico.


Il programma sviluppato dalla Fondazione KliK è attivo da inizio 2015 ed è stato interrotto a fine 2017 a causa del suo mancato successo. Nel programma sono stati ammessi 13 piani. Fino al 2020 sono attesi 2’500 attestati.


Termostati elettronici Danfoss per radiatori

Il programma sviluppato da South Pole di promozione dei termostati elettronici per radiatori prodotti dalla ditta Danfoss prevede un’agevolazione di 15 franchi sul prezzo d’acquisto. Il dispositivo regola al meglio il riscaldamento grazie alla funzione di abbassamento automatico della temperatura durante la notte e allo spegnimento quando si arieggiano i locali. Nelle case plurifamiliari riscaldate a fonte fossile si possono ridurre le emissioni anche del 20%.


Il programma è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nell’ottobre 2016. A fine 2017 erano stati venduti circa 8’000 apparecchi. Per il 2016 sono stati rilasciati 8 attestati. Fino al 2020 sono attesi 5’800 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.thesouthpolegroup.com/de/projekte/swiss-smart-heating-programs--.


Regolatore termico intelligente Neurobat

Il regolatore termico intelligente della ditta Neurobat ha lo scopo di integrare i regolatori tradizionali basati sulle curve termiche installati in case unifamiliari. Un rispettivo programma era stato registrato nel novembre 2015 presso l’Ufficio federale dell’ambiente, ma a fine 2017 la sua interruzione era imminente a causa della potenziale insolvenza di Neurobat.


Teleriscaldamento

In generale la realizzazione di piccoli teleriscaldamenti come progetto di compensazione non rende a causa degli elevati costi di transazione. La Fondazione KliK ha dunque sviluppato i seguenti moduli di incentivazione di teleriscaldamenti: (i) Sfruttamento del calore residuo dalle acque di scarico (registrato presso l’UFAM nell’agosto 2015), (ii) Sfruttamento di calore ambiente da acqua freatica, acqua potabile, acqua di fiume e di lago (dicembre 2016), (iii) Calore residuo industriale a temperatura alta (settembre 2017), (iv) Calore residuo industriale a temperatura bassa (febbraio 2017), (v) Calore residuo da impianti di incenerimento (settembre 2017), (vi) Generazione di calore dalla combustione di biomassa (marzo 2017), (vii) Estensioni di teleriscaldamenti esistenti (settembre 2017).


A fine 2017 i diversi moduli contavano 12 piani. Fino al 2020 sono attesi in tutto 21’000 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione su www.teleriscaldamento.klik.ch


Risparmio di acqua calda

L’impiego di riduttori di flusso nelle doccette e nei rubinetti consente di ridurre il consumo di fonti energetiche fossili usate per la produzione di acqua calda. Il programma sviluppato dalla fondazione myclimate promuove l’impiego di riduttori di flusso negli alberghi, nelle case di cura e nei complessi residenziali più grandi nonché la vendita a prezzo agevolato di doccette efficienti.


Il programma è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nell’ottobre 2015. A fine 2017 contava 78 piani. Per il 2016 sono stati rilasciati 1’927 attestati. Fino al 2020 sono attesi 26’000 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.myclimate.org/warmwasser (in tedesco).


Generatori di calore mobili

I generatori di calore mobili vengono sempre più utilizzati sui cantieri per essicare più velocemente o per migliorare le condizioni lavorative. Vengono molto utilizzati anche nel settore eventi per il riscaldamento di tendoni. I generatori di calore mobili sono quasi tutti alimentati a combustibile fossile. Ora però sono in commercio anche apparecchi alimentati a pellet di legno.


Un programma di incentivazione di apparecchi di questo genere sviluppato dalla Fondazione KliK è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nell’agosto 2015. A fine 2017 contava 230 piani. Per il 2016 sono stati rilasciati 3’197 attestati. Fino al 2020 sono attesi complessivamente 33’000 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.caloremobile.klik.ch.


Ottimizzazione d’esercizio

Il programma sviluppato da energo promuove l’impiego di un sistema di gestione dell’energia negli immobili locativi ed è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel giugno 2016. Fino al 2020 sono attesi 17’000 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.energo.ch/it/servizi/advanced.


Doccette a muro

Il programma sviluppato da Sinum promuove la vendita di doccette a muro salva acqua negli impianti sportivi ed è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel novembre 2016. Fino al 2020 sono attesi 5’200 attestati.


Maggiori informazioni sul programma e sulle condizioni di partecipazione al sito Internet www.sinum.com/wandbrausen (in tedesco).


Sistema di controllo intelligente del riscaldamento tado°

Il programma sviluppato da South Pole che promuove il sistema di controllo intelligente del riscaldamento della ditta tado° è stato interrotto nell’esercizio in esame. Non era praticamente possibile soddisfare le condizioni imposte dall’Ufficio federale dell’ambiente per provare le riduzioni di emissioni. La Fondazione KliK ha subito di conseguenza un costo senza contropartita di circa 57’000 franchi per l’agevolazione finanziata in precedenza del prezzo d’acquisto dei dispositivi venduti con il programma.



Progetti

Nell’esercizio in esame la Fondazione KliK
ha messo sotto contratto altri 8 teleriscaldamenti, portando la cifra totale a 55 a fine 2017. I teleriscaldamenti sfruttano fonti energetiche rinnovabili e calore residuo e sostituiscono i sistemi di riscaldamento da fonte fossile (nafta o gas) negli edifici allacciati alla rete. Fino al 2020 sono attesi 390’000 attestati. 


Progetti condotti autonomamente

Anche qui si tratta in primo luogo di teleriscaldamenti alimentati ad energie rinnovabili o a calore residuo. Fino a fine 2017 sono state computate alla Fondazione KliK 898’547 tonnellate di riduzioni di emissioni di CO₂ per il periodo 2013–2016. Fino al 2020 si prevede che vengano computati in tutto 1,60 milioni di tonnellate di riduzioni di emissioni di CO₂.

Cerca

Piattaforme Piattaforma Agricoltura

Immagine: Cooperativa Ökostrom Schweiz

Progetti impianti agricoli a biogas – gruppo II - IV

Negli impianti a biogas si produce elettricità e calore dal liquame. Con i progetti sostenuti dalla Fondazione KliK si sono evitate già 22'500 tonnellate di CO₂ equivalenti di metano.


Maggiori informazioni: www.klik.ch/agricoltura


Vai agli altri programmi/progetti
Programmi
Cerca

Piattaforme Piattaforma Agricoltura

Programmi
Quest’anno è stato avviato con successo un primo programma di riduzione del gas esilarante nell’agricoltura.
Mischa Classen, Responsabile internazionale

Programmi

Segue in breve lo stato dei programmi trattati dalla Fondazione KliK nell'esercizio in esame in seno alla piattaforma Agricoltura:

 

Riduzione del metano dalla fermentazione enterica delle mucche da latte

L’obiettivo del programma è di diffondere l’uso di aggiunte nel mangime per ridurre la produzione di metano nello stomaco delle mucche da latte. Un primo programma, sviluppato da South Pole, è stato respinto dalle autorità federali competenti con la motivazione che gli effetti non sono sufficientemente documentati. Sulla base di prove su più larga scala, nell’agosto 2017 è stata inoltrata una nuova domanda di programma. Riteniamo sia possibile ottenere 60’000 attestati fino al 2020.


Riduzione delle emissioni di gas esilarante dalla concimazione azotata

Il programma promuove l’aggiunta di speciali inibitori della nitrificazione nei concimi azotati. Questo riduce le emissioni di gas esilarante in modo indiretto limitando le emanazioni di azoto sotto forma di ammoniaca, e in modo diretto grazie al minor impiego di concime azotato.


Il programma sviluppato da First Climate (Switzerland) AG è stato registrato presso l’Ufficio federale dell’ambiente nel settembre 2016. Fino al 2020 sono attesi 22’000 attestati.



Progetti

Nell'esercizio in questione la Fondazione KliK ha esaminato da vicino i seguenti tipi di progetto:


Impianti a biogas nelle aziende agricole

Il liquame proveniente dall’allevamento di bestiame crea emissioni di metano, che potrebbero però essere evitate mediante una mirata raccolta e fermentazione del liquame in impianti a biogas. Inoltre il biogas può essere utilizzato in una centrale termoelettrica a blocco per generare elettricità e calore. Di solito però un utilizzo di questo genere viene già incentivato con la rimunerazione per l’immissione di energia a copertura dei costi (RIC) e quindi non rientra in un progetto di compensazione. Fino al 2020 sono attesi 114’000 attestati da tre gruppi di impianti. Finora sono stati consegnati 31’801 attestati


Impianti Kompogas

Questi impianti fermentano rifiuti biogeni, provenienti da processi industriali o dalla raccolta comunale, in un reattore chiuso e in condizioni anaerobiche. Il biogas prodotto viene raccolto e trasformato in elettricità e calore in un impianto di cogenerazione. Sono computabili le emissioni di metano che verrebbero generate durante la decomposizione o il compostaggio dei rifiuti. Inoltre il calore prodotto dall’impianto di cogenerazione va a sostituire l’olio da riscaldamento. Presso l’Ufficio federale dell’ambiente sono stati registrati due impianti del genere come progetti di compensazione. Fino al 2018 (fine del periodo di credito) sono attesi 9’500 attestati. Finora sono stati consegnati 6’401 attestati.

Cerca

Panoramica e prospettive Panoramica e prospettive

Impiego di mezzi per contratto
(in mio. di franchi)
Ricavi e costi

Ricavi e costi

Al 1° gennaio 2018 la Fondazione KliK aveva sot-to contratto 43 società petrolifere soggette all’obbligo di compensazione. La composizione del raggruppamento di compensazione è quin-di rimasta invariata rispetto all’anno precedente.


Nell’esercizio in esame i partecipanti al raggruppamento di compensazione hanno versato alla Fondazione KliK una rimunerazione pari a CHF 98’571’079. Il servizio di incasso dei ver-samenti prestato da Carbura, l’organizzazione di scorte obbligatorie di carburanti e di combustibili liquidi, è costato CHF 33’600.


Poiché la Direzione generale delle dogane alle-stisce il conto annuale delle entrate dall’impo-sta sugli oli minerali solo nel maggio dell’anno dopo, può capitare che dopo la chiusura del bilancio della Fondazione KliK vi siano ancora dei versamenti supplementari di rimunera-zioni alla Fondazione KliK o di rimborsi di rimu-nerazioni ai partecipanti al raggruppamento, che saranno registrati come ricavo o costo straordinario. Per il 2017 i versamenti supplementari alla Fondazione KliK hanno superato per un importo di CHF 296’219 i suoi rimborsi. Un altro ricavo straordinario di CHF 60’600 è risultato dalla vendita di attestati ad attori soggetti all’obbligo di compensazione non partecipanti al raggruppamento di compensazione.


Dal 2014 la Fondazione KliK è riconosciuta come raggruppamento di compensazione nel Principato del Liechtenstein, dove pure vige un obbligo di compensazione. Il Principato, anziché svolgere misure di compensazione, riceve una quota definita annualmente della rimunerazione pervenuta dalla Fondazione KliK. Nell’esercizio in questione la quota versata per il 2016 è ammontata a CHF 417’386.


I ricavi da interessi e titoli si sono attestati a CHF 7’838’506. Le perdite di cambio su titoli e i costi per spese bancarie e tasse sono ammontati a CHF 1’024’213. Ne risulta un utile finanziario netto di CHF 6’814’293.


Nell’esercizio preso in esame sono stati consegnati alla Fondazione KliK attestati e riduzioni verificate di emissioni per un valore pari a CHF 91’707’009. Ci sono inoltre impegni contrattuali di ca. CHF 512 mio. per consegne attese fino al 2020, di cui presumibilmente CHF 137 mio. dovuti nel 2018.


I costi indiretti per servizi di consulenza esterna, per la mediazione di progetti nonché per le attività di comunicazione legate ai singoli programmi sono ammontati a CHF 607’077 (-37% rispetto all’esercizio precedente). Il funzionamento del segretariato e la comunicazione generale hanno generato costi per CHF 1’269’377, il 12% in meno rispetto all’esercizio precedente.


Costi per credito di emissione
(fr. / t CO₂)
Riduzioni di emissioni realizzate e stimate

Riduzioni di emissioni realizzate e stimate

Sul conto della Fondazione al 31 dicembre 2017 – dopo l’adempimento dell’obbligo di compensazione fino al 2016 incluso – si sono registrati 4’188’184 attestati, ossia 120’756 in più dell’anno precedente, che potranno essere utilizzati per soddisfare l’obbligo di compensazione del periodo 2017–2019. In media ogni tonnellata di CO₂ aggiuntasi nel 2017 e utilizzabile per adempiere all’obbligo di compensazione è costata CHF 98.80 (senza calcolare i costi di transazione) e dunque il 6% in meno rispetto all’anno precedente (CHF 104.50). In tutto le prestazioni di compensazione computabili acquisite fino a fine 2017 sono costate in media CHF 80.61 per tonnellata di CO₂.


Fino al 2020 sono attesi altri 3,72 milioni di attestati da progetti e programmi garantiti per contratto, e altri 0,94 milioni dai contratti con le imprese con una convenzione sugli obiettivi. Infine, da progetti condotti autonomamente e garantiti per contratto ci aspettiamo fino al 2020 altre riduzioni di emissioni computabili per 0,72 milioni di tonnellate di CO₂.


I crediti di emissione ricevuti e quelli assicurati per contratto consentiranno di soddisfare l’obbligo di compensazione entro fine 2019. Contrariamente a quanto prospettato in precedenza, probabilmente sarà possibile per un soffio soddisfare l’obbligo di compensazione anche nel 2020 e sventare così la temuta sanzione. Ciò premette che il Programma biocarburanti evolva secondo il corso tracciato e che, diversamente da quanto previsto dal Consiglio federale, i biocarburanti possano essere esentati dall’imposta sugli oli minerali anche dopo il 30 giugno 2020.


I certificati di riduzione delle emissioni (1 mio.) del primo periodo di impegno 2008–2012 (CER1), acquistati dalla Fondazione KliK già nel 2014 in vista di un deficit, sono tuttora su un conto britannico del Registro dello scambio di quote di emissioni, dove attendono di essere convertiti in certificati di riduzione delle emissioni del secondo periodo di impegno 2013 –2020 (CER2).


Impiego dei mezzi per crediti di emissione 2013–2020: stato a fine 2017


 Impiego di mezzi per contratto (mio. fr.)
Crediti di emissione sotto contratto (mio. t)
Effetto verificato (mio. t)
Costi per credito di e. (fr. / t CO₂)
Programmi Transporti

239

2.75

0.39

87

Programmi Imprese

141

1.19

0.76

118

Programmi Edifici

12

0.11

0.00

109

Programmi Agricoltura

11

0.08

-

131

Progetti nuovi

82

0.83

0.09

99

Progetti CPC

177

1.62

0.90

109

Prestazioni suppletive

141

1.41

0.59

100

Diritti d'emissione

172

3.06

2.94

56

Total

969

11.05

5.67

88


Adempimento dell’obbligo di compensazione 2016

In base al tasso di compensazione valevole per il 2016 del 5%, la quantità da compensare per i 44 partecipanti al raggruppamento di compensazione in quell’anno è ammontato a 807’068 tonnellate di CO₂. Ai fini di adempimento, la Fondazione ha consegnato alla Confederazione 572’231 attestati e presentato 234’837 tonnellate di riduzioni di emissioni computabili da progetti condotti autonomamente.


La Fondazione KliK ha consegnato in tutto 404 attestati direttamente alla Confederazione, in adempimento dell’obbligo di compensazione di due società petrolifere più piccole non partecipanti al raggruppamento di compensazione. 


Consiglio di fondazione e segretariato

A fine anno lavoravano presso il segretariato della Fondazione KliK sette persone per una percentuale d’occupazione espressa in equivalenti a tempo pieno del 515%. Non ci sono stati cambiamenti nella composizione dell’organico. Il 2017 è stato un anno ad attività normale. A seguito della pubblicazione il 1° dicembre 2017 del messaggio del Consiglio federale sulla revisione totale della Legge sul CO₂, l’orizzonte temporale si spinge ora fino al 2030.


Il Consiglio di fondazione ha tenuto quattro riunioni nell’esercizio in esame. Ha autorizzato ulteriori contratti d’acquisto di attestati da progetti e programmi e ha preparato una strategia per affrontare il processo a livello parlamentare avviato dal Consiglio federale sulla revisione della Legge sul CO₂.


Previsioni

La Fondazione KliK accoglie con favore l’intenzione del Consiglio federale di mantenere lo strumento dell’obbligo di compensazione per il periodo 2021–2030 e di rafforzare la sua importanza per la politica climatica svizzera. Fino al 90% delle emissioni dei carburanti dovrà essere compensato fino al 2030, di cui almeno il 15% in Svizzera e il resto all’estero. Avendo ratificato l’accordo di Parigi sul clima nel novembre 2017, la Svizzera si è creato il necessario quadro legislativo. Lo strumento dell’obbligo di compensazione permetterebbe di consegnare circa il 60% delle riduzioni di emissioni necessarie di circa 100 milioni di tonnellate di CO₂ rispetto all’evoluzione di riferimento.


Il tasso minimo di compensazione domestica del 15% è tuttavia troppo elevato. Poiché il 5% delle emissioni dei carburanti dovrebbe essere compensato con carburanti rinnovabili, dal 2021 altre misure dovrebbero generare d’un colpo il doppio di riduzioni di emissioni. Allo stesso tempo, con la revisione della legge il potenziale di riduzioni di emissioni si dimezza considerato il venir meno di importanti fonti di crediti di emissione (prestazioni suppletive, progetti condotti autonomamente).


Nel migliore dei casi, quindi, si potrà realizzare un tasso di compensazione domestica del 15% se si attuano determinati interventi sulla proposta del Consiglio federale. Fra questi molto importante è l’estensione fino al 2030 della possibilità di esenzione dei biocarburanti dall’imposta sugli oli minerali, che giunge a scadenza a metà 2020; già il requisito di compensazione del 10% delle emissioni dei carburanti nel 2020 non può essere soddisfatto altrimenti.


La Fondazione KliK è fiduciosa di riuscire grazie allo strumento dell’obbligo di compensazione a fornire continuamente fino al 2030 un contributo alla protezione del clima non solo significativo ma addirittura in crescita visto l’impegno all’estero. Di conseguenza investirà a tempo nella continuazione dei programmi stabiliti con grande impegno negli ultimi anni ma anche in nuove attività, anche se la revisione della legge non è ancora conclusa in dettaglio. Si impegnerà in particolare inoltre a chiarire ulteriormente le possibilità di compensazione all’estero.

 

Cerca

Rapporto di attività Rapporto di attività

Scopo della fondazione

Lo scopo della Fondazione KliK è di adempiere ai compiti di un raggruppamento di compensazione ai sensi dell’art. 27 della Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO₂ (Legge sul CO₂), in particolare l’adempimento dell’obbligo di compensazione dei responsabili dell’immissione in consumo di carburanti fossili legati per contratto alla Fondazione. A tal fine, la Fondazione finanzia, sostiene, pianifica e realizza, direttamente o indirettamente, misure di compensazione in Svizzera e all’estero, anche nel quadro di sistemi nazionali e internazionali di scambio di quote di emissione, confacenti alle prescrizioni della Legge sul CO₂.


La Fondazione è un’organizzazione di pubblica utilità; essa non persegue alcuno scopo di lucro o d’interesse personale. Allo stesso modo non persegue alcuno scopo commerciale e non ha come fine il conseguimento di utili. È escluso l’impiego anche solo di parti del patrimonio della Fondazione per scopi diversi dal raggiungimento dello scopo della Fondazione.


Organi

Il Consiglio di fondazione è composto da cinque membri; anche il Direttore è un organo.


Organico

La percentuale d’occupazione annua media espressa in equivalenti a tempo pieno era pari al 515%. 


Sistema interno di controllo

La Fondazione KliK si avvale di un sistema interno di controllo su cui si basano i processi lavorativi più importanti. Nelle sue riunioni, il Consiglio di fondazione verifica periodicamente i rischi finanziari e operativi della Fondazione. Nel registro dei rischi sono definite le riflessioni in materia di rischio e le rispettive delimitazioni.


Altri dati

Altri dati e parti del rapporto di attivit. possono essere consultati nel rapporto annuale al sito www.rapportoannuale.klik.ch.

Cerca

Conto annuale e allegato Panoramica

Cerca

Conto annuale e allegato Bilancio

Bilancio al 31 dicembre

Spiegazioni

2017

2016

Attivi


CHF

CHF

Mezzi liquidi


523'801.37

6'630'741.10

Titoli

2.1

112'221'805.37

94'961'744.38

Crediti da forniture e prestazioni – verso terzi


27'420'923.95

27'807'120.80

Altri crediti a breve termine – verso terzi


3'588'677.20

1'453'280.07

Ratei e risconti attivi


9'602.00

98'411.20

Totale attivo circolante


143'764'809.89

130'951'297.55

Crediti di emissione

2.2

1.00

1.00

Totale immobilizzi


1.00

1.00

Totale attivi


143'764'810.89

130'951'298.55





Passivi




Debiti per forniture e prestazioni – verso terzi


13'614'125.00

11'297'637.05

Altri debiti a breve termine – verso terzi


672'509.50

1'678'199.00

Accantonamenti a breve termine per progetti

2.3

136'908'164.00

132'602'014.00

Ratei e risconti passivi


499'539.85

512'868.95

Totale capitale di terzi a breve termine


151'694'338.35

146'090'719.00

Accantonamenti a lungo termine per progetti

2.4

375'257'667.00

415'024'678.00

Totale capitale di terzi a lungo termine


375'257'667.00

415'024'678.00

Totale capitale di terzi


526'952'005.35

561'115'397.00

Capitale della Fondazione


50'000.00

50'000.00

Capitale libero – Riporto capitale libero


– 430'214'098.45

– 393'810'938.82

Capitale libero – Risultato della Fondazione


46'976'903.99

– 36'403'159.63

Totale capitale dell'organizzazione

2.5

– 383'187'194.46

– 430'164'098.45

Totale passivi


143'764'810.89

130'951'298.55

Cerca

Conto annuale e allegato Conto economico

Conto economico

Spiegazioni

2017

2016



CHF

CHF

Contributi del raggruppamento di compensazione


98'571'078.50

101'541'584.25

Diminuzione dei ricavi


– 415'986.00

– 402'173.00

Ricavi da forniture e prestazioni




– Ricavi da prestazioni a terzi


253'800.00

180'266.55

Ricavi d'esercizio


98'408'892.50

101'319'677.80

Costi programmi

2.6

– 56'670'648.35

– 139'459'779.85

Costi per prestazioni di terzi nei programmi

2.7

– 640'493.85

– 957'858.45

Costi del personale


– 856'287.85

– 874'476.55

Altri costi d'esercizio

2.8

– 455'989.70

– 567'550.10

Costi d'esercizio


– 58'623'419.75

– 141'859'664.95

Risultato d'esercizio


39'785'472.75

– 40'539'987.15

Ricavi finanziari

2.9

7'842'977.67

4'442'992.00

Costi finanziari

2.10

– 1'008'365.18

– 849'810.13

Risultato finanziario


6'834'612.49

3'593'181.87

Ricavi straordinari

2.11

425'201.75

618'431.90

Costi straordinari

2.12

– 68'383.00

– 74'786.25

Risultato straordinario


356'818.75

543'645.65

Utile / perdita d'esercizio (prima dell'attribuzione al capitale dell'organizzazione)


46'976'903.99

– 36'403'159.63

Attribuzione / Utilizzo




– Capitale libero


46'976'903.99

– 36'403'159.63



0.00

0.00

Cerca

Conto annuale e allegato Conto dei flussi finanziari

Conto dei flussi finanziari

2017

2016


CHF

CHF

Utile/perdita d'esercizio

46'976'903.99

– 36'403'159.63

(Diminuzione) / aumento accantonamenti

– 35'460'861.00

57'876'012.00

Diminuzione / (aumento) titoli

– 17'260'060.99

– 3'070'975.39

Diminuzione / (aumento) crediti da forniture e prestazioni

386'196.85

5'643'322.25

(Diminuzione) / aumento debiti da forniture e prestazioni

2'316'487.95

– 17'197'105.30

Diminuzione (aumento) altri crediti a breve termine



e ratei e risconti attivi

– 2'046'587.93

– 239'018.45

(Diminuzione) / aumento altri debiti a breve termine



e ratei e risconti passivi

– 1'019'018.60

– 295'979.50

Flusso di tesoreria da attività di esercizio

– 6'106'939.73

6'313'095.98

Flusso di tesoreria da attività di investimento

0.00

0.00

Flusso di tesoreria da attività di finanziamento

0.00

0.00

Variazione dei mezzi liquidi

– 6'106'939.73

6'313'095.98

Mezzi liquidi al 1.1.

6'630'741.10

317'645.12

Mezzi liquidi al 31.12.

523'801.37

6'630'741.10

Comprova della variazione dei mezzi liquidi

– 6'106'939.73

6'313'095.98

Cerca

Conto annuale e allegato Prospetto della variazione del capitale

Prospetto della variazione del capitale 2017

Stato al 1.1.

Attribuzioni

Impiego

Totale variazione

Stato al 31.12.


CHF

CHF

CHF

CHF

CHF

Capitale dell'organizzazione






Capitale della Fondazione

50'000.00

0.00

0.00

0.00

50'000.00

Capitale libero

– 430'214'098.45

46'976'903.99

0.00

46'976'903.99

– 383'237'194.46

Totale capitale dell'organizzazione

– 430'164'098.45

46'976'903.99

0.00

46'976'903.99

– 383'187'194.46

Prospetto della variazione del capitale 2016

Stato al 1.1.

Attribuzioni

Impiego

Totale variazione

Stato al 31.12.


CHF

CHF

CHF

CHF

CHF

Capitale dell'organizzazione






Capitale della Fondazione

50'000.00

0.00

0.00

0.00

50'000.00

Capitale libero

– 393'810'938.82

0.00

36'403'159.63

– 36'403'159.63

– 430'214'098.45

Totale capitale dell'organizzazione

– 393'760'938.82

0.00

36'403'159.63

– 36'403'159.63

– 430'164'098.45

Cerca

Conto annuale e allegato Allegato

Allegato


I. Aspetti generali


Ditta, forma giuridica e sede dell’impresa
Nome:
Fondazione per la protezione del clima e la compensazione di CO₂ KliK
Forma giuridica: Fondazione
Sede: Zurigo


La Fondazione per la protezione del clima e la compensazione di CO₂ KliK è stata costituita il 7 dicembre 2012 (iscrizione nel registro di commercio) e ha avviato la sua attività operativa il 1º gennaio 2013.

Costituita dall’Unione petrolifera, la Fondazione KliK ha lo scopo di adempiere ai compiti di un raggruppamento di compensazione ai sensi dell’articolo 27 della Legge sul CO₂. Essa è incaricata dalle società petrolifere ad essa affiliate di adempiere al loro obbligo di compensazione. A tal fine, la Fondazione finanzia, sostiene, pianifica e realizza, direttamente o indirettamente, misure di compensazione in Svizzera confacenti alle prescrizioni della Legge sul CO₂. Le società affiliate dal canto loro versano alla Fondazione un corrispettivo a copertura dei costi.

1. Informazioni sui principi applicati nel conto annuale

Il presente conto annuale è stato allestito secondo i principi contabili Swiss GAAP FER incl. FER 21.

Esso contiene inoltre le informazioni richieste ai sensi del nuovo diritto conta­bile svizzero (titolo XXXII del Codice delle obbligazioni).

1.1 Titoli

I titoli dell’attivo circolante sono stati iscritti al valore di mercato alla data di chiusura del bilancio. Si è rinunciato a costituire una riserva di fluttuazione.

1.2 Crediti di emissione

Al 31.12.2017 la Fondazione registra sul suo conto nel Registro svizzero dello scambio di quote di emissioni complessivamente 4'188'184 crediti di emissione. Di questi, ogni anno i crediti di emissione necessari per adempiere all’obbligo di compensazione sono trasferiti alla Confederazione senza controprestazione.

1.3 Obbligo di compensazione

L’obbligo di compensazione per il 2017 è pari al 5% dei carburanti fossili immessi in consumo in Svizzera nell’esercizio in esame. Per adempiere all’obbligo di compensazione 2017 si dovranno utilizzare 786'276 dei crediti di emissione disponibili secondo la cifra 1.2.

1.4 Soglia minima di attivazione degli investimenti in immobilizzi materiali

Un acquisto è iscritto a bilancio a partire da un importo di CHF 10'000 e se ha un carattere a lungo termine. La valutazione è effettuata al costo d’acquisto dedotti gli ammortamenti accumulati e le rettifiche di valore. Gli immobilizzi materiali sono ammortizzati in modo lineare sull’arco di una vita utile di 5 anni.

1.5 Contributi del raggruppamento di compensazione

Le società petrolifere versano alla Fondazione KliK una rimunerazione per la sua attività di adempimento del loro obbligo di compensazione. Tale rimunerazione copre tutti i costi sostenuti dalla Fondazione KliK in relazione all’adem­pimento dell’obbligo di compensazione. La presentazione della cifra d’affari si basa sulla comunicazione di Carbura (l’organizzazione di scorte obbligatorie dell’industria petrolifera svizzera) relativa alla quantità soggetta all’obbligo di compensazione dei carburanti messi in consumo in Svizzera dai membri del raggruppamento di compensazione.

1.6 Accantonamenti

La sottoscrizione di contratti di progetto riguardanti l’acquisto di attestati ha creato impegni di pagamento a breve e a lungo termine; il totale di tali impegni risultanti dai contratti firmati sono accantonati alla data di riferimento del bilancio.



II. Informazioni inerenti a poste del bilancio e del conto economico


2.1 Titoli

2017

2016

Obbligazioni svizzere

18'177'038.00

19'713'005.00

Obbligazioni estere

44'004'710.00

28'209'241.00

Azioni svizzere

14'179'789.00

11'441'345.00

Azioni estere

21'743'230.00

23'268'303.00

Immobili in Svizzera

14'117'038.00

12'329'850.38

Totale valore di mercato titoli

112'221'805.00

94'961'744.38

Adeguamento al valore di mercato

12'080'394.67

6'730'192.88

Totale costi d'acquisto titoli

100'141'410.33

88'231'551.50

Il portafoglio titoli è gestito conformemente al regolamento di investimento approvato dal Consiglio di fondazione l’11 gennaio 2013.

2.2 Crediti di emissione

Come indicato alle cifre 1.2 e 1.3, i crediti di emissione necessari per adempiere all’obbligo di compensazione fino a fine 2020 saranno trasferiti alla Confederazione senza alcuna controprestazione e dunque sono iscritti a bilancio come promemoria ad un valore di CHF 1.–.


2.3 Accantonamenti a breve termine per progetti

2017

2016

Progetti individuali

46'053'984.00

48'684'246.00

Piattaforma Trasporti

39'641'260.00

25'349'060.00

Piattforma Imprese

49'115'600.00

57'331'375.00

Piattaforma Edifici

1'572'920.00

1'215'283.00

Piattaforma Agricoltura

524'400.00

22'050.00

Totale accantonamenti a breve termine per progetti

136'908'164.00

132'602'014.00


2.4 Accantonamenti a lungo termine per progetti

2017

2016

Progetti individuali

106'551'977.00

172'477'571.00

Piattaforma Trasporti

158'655'560.00

111'555'320.00

Piattaforma Imprese

98'513'660.00

118'687'080.00

Piattaforma Edifici

7'560'720.00

9'667'857.00

Piattaforma Agricoltura

3'975'750.00

2'636'850.00

Totale accantonamenti a lungo termine

375'257'667.00

415'024'678.00


2.5 Capitale dell’organizzazione

Il totale Capitale dell’organizzazione evidenzia un sovraindebitamento tecnico al 31 dicembre 2017. Esso è da ricondurre da un lato al fatto che gli impegni da contratti di progetto fino al 2020 sono già interamente accantonati, mentre che i ricavi dei contributi assicurati per contratto dai partecipanti al raggruppamento di compensazione fino al 2020 sono solo tenuti in considerazione per il periodo attuale. Dall’altro lato i crediti di emissione acquisiti con gli impegni da programmi e progetti sono iscritti a bilancio negli immobilizzi solo come promemoria ad un valore di CHF 1.-, visto che i crediti di emissione necessari annualmente per adempiere all’obbligo di compensazione sono trasferiti senza controprestazione alla Confederazione. La previsione del flusso di cassa indica che la Fondazione è in grado di adempiere ai suoi impegni entro il termine dell’obbligo di compensazione nel 2020. Il Consiglio di fondazione ha rinunciato dunque ad allestire un bilancio intermedio ai sensi dell’art. 84a CC.

2.6 Costi programmi

2017

2016

Progetti individuali

– 41'584'588.10

3'743'140.20

Diritti d'emissione CP1

0.00

341'800.00

Piattaforma Trasporti

81'496'696.35

110'691'924.75

Piattaforma Imprese

16'349'980.00

32'937'517.20

Piattaforma Edifici

– 1'432'689.90

– 6'683'032.20

Piattaforma Agricoltura

1'841'250.00

– 1'594'050.00

Certificati esteri

0.00

22'479.90

Totale costi programmi

56'670'648.35

139'459'779.85

La diminuzione dei costi nel 2017 riguarda i progetti individuali e la piattaforma Edifici ed è da ricondurre allo scioglimento degli accantonamenti dell’esercizio precedente, divenuti superflui. Nell'esercizio precedente la stessa spiegazione vale per la diminuzione dei costi delle piattaforme Edifici ed Agricoltura.

2.7 Costi per prestazioni di terzi nei programmi

2017

2016

Consulenze di terzi

73'895.65

183'471.80

Attività di comunicazione di terzi

98'777.25

329'103.70

Costi d'esecuzione di terzi

454'663.05

439'350.45

Altri costi per prestazioni di terzi

13'157.90

5'932.50

Totale costi per prestazioni di terzi

640'493.85

957'858.45


2.8 Altri costi d'esercizio

2017

2016

Costo dei locali

45'204.80

46'888.70

Costi di trasporto

18'847.50

18'009.40

Manutenzione, riparazione e sostituzione



di immobilizzi materiali mobili

2'136.05

8'912.30

Costi amministrativi e informatici

219'297.75

318'328.15

Costi per attività di comunicazione

158'467.35

162'731.65

Altri costi

12'036.25

12'679.90

Totale altri costi d'esercizio

455'989.70

567'550.10


2.9 Ricavi finanziari

2017

2016

Ricavi da titoli (dividendi, interessi)

1'721'321.75

1'858'335.40

Utili realizzati



su cambiamenti quotazioni titoli

917'489.35

0.00

Utili non realizzati



su cambiamenti quotazioni titoli

5'204'166.57

2'584'656.60

Totale ricavi finanziari

7'842'977.67

4'442'992.00


2.10 Costi finanziari

2017

2016

Costi da interessi

517.30

0.00

Spese bancarie e postali

610.08

848.10

Costi dei titoli (tasse/commissioni)

240'255.33

125'497.58

Perdite realizzate



su cambiamenti quotazioni titoli

52'075.54

0.00

Perdite non realizzate



­su cambiamenti quotazioni titoli

714'906.93

723'464.45

Totale costi finanziari

1'008'365.18

849'810.13


2.11 Ricavi straordinari

2017

2016

Ricavi straordinari

425'201.75

618'431.90

Addebiti successivi ai partecipanti del raggruppamento di compensazione conformemente al conguaglio di Carbura relativo alla quantità di carburante immessa in consumo l’esercizio precedente nonché i ricavi nel 2017 dalla vendita di attestati per l’adempimento dell’obbligo di compensazione di terzi di CHF 60'600.-. I ricavi straordinari dell’esercizio precedente sono pure da attribuire ad addebiti successivi ai partecipanti del raggruppamento di ­compensazione conformemente al conguaglio di Carbura per i carburanti immessi in consumo nel 2015 nonché ai ricavi dalla vendita di attestati a terzi di CHF 513'450.- per l’adempimento dell’obbligo di compensazione.

2.12 Costi straordinari

2017

2016

Costi straordinari

68'383.00

74'786.25

I costi straordinari comprendono, come già visto nell’esercizio precedente, gli accrediti successivi ai partecipanti del raggruppamento di compensazione conformemente al conguaglio di Carbura relativo alla quantità di carburante immessa in consumo l’esercizio precedente.



III. Altri dati


3.1 Impegni eventuali

Il mancato adempimento dell’obbligo legale di compensazione comporta una sanzione pecuniaria da versare alla Confederazione pari a CHF 160 per ogni tonnellata di CO₂ mancante. Potrebbe succedere che l’obbligo di compensazione non venga soddisfatto nel 2020, ma al momento non è ancora possibile valutare con certezza questo rischio.

3.2 Remunerazione dei membri dell’organo

2017

2016

Consiglio di fondazione

131'250.00

125'000.00

La gestione aziendale è affidata ad una persona sola.


3.3 Remunerazione dell’organo di revisione

2017

2016

Revisione

25'000.00

25'570.00

Altre prestazioni di servizio

5'400.00

5'400.00


3.4 Posti di lavoro a tempo pieno

Nell’esercizio in esame e nell’esercizio precedente il numero medio di posti di lavoro a tempo pieno è 

stato inferiore a 10.


3.5 Restrizione della facoltà di disporre

2017

2016

Restrizione della facoltà di disporre dei

15'000.00

15'000.00


3.6 Approvazione del conto annuale 2017

Il conto annuale è stato approvato dal Consiglio di fondazione in occasione della sua riunione dell'11 giugno 2018.

Cerca

Organizzazione Organizzazione

Consiglio di fondazione
NomeFunzioneOrganizzazione

Daniel Hofer

Presidente

Unione petrolifera

Migrol AG

Dr. Roland Bilang

Membro

Unione petrolifera

Constantin Cronenberg

Membro fino al 30.06.2017

BP Switzerland

Andreas FlütschMembro dal 30.10.2017Varo Energy Marketing AG

Dr. Jürg Klossner

MembroA.H. Meyer & Cie AG 
Martin ThomsenMembro dal 01.07.2017BP Switzerland


Segretariato
NomeFunzione
Dr. Marco BergDirettore
Lorena PedalinoResponsabile finanze e comunicazione
Mischa Classen
Responsabile internazionale
Gaëlle FumeauxResponsabile Svizzera romanda e Ticino
Darja Tinibaev
Responsabile Svizzera tedesca
Maria LengacherAssistente amministrativa
Anita Ferrara
Assistente communicazione


Cerca

Archivio Archivio